Assemblea ligure della Società della cura del 5 maggio 2021

Il 5 maggio si è tenuta una Assemblea ligure della Società della cura.

Si è discusso del percorso fin qui realizzato e dei prossimi impegni, connessi con il decennale del referendum sull’acqua e sul nucleare e con il ventennale del G8 a Genova

Non si tratta di eventi celebrativi, ma di occasioni per fare il punto sulle attuali crisi di carattere ambientale, climatico, sanitario, socio-economico ecc, e per programmare future iniziative e mobilitazioni.

La Società della cura

La Società della cura infatti si propone di favorire una convergenza fra  comitati, associazioni o le singole persone che condividono gli obiettivi e i valori che sono stati indicati nel Manifesto_Società_della_cura

Per maggiori informazioni è possibile consultare anche il link al sito della Società ligure della cura.

I prossimi impegni

Le prossime iniziative presentano aspetti  rilevanti rispetto al tema dell’agricoltura e della produzione di alimenti.

Per quanto riguarda il decennale del referendum sull’acqua, bisogna ricordare che la disponibilità di questa risorsa potrebbe essere minacciata dalle conseguenze dei cambiamenti climatici e dai grandi consumi  connessi con gli allevamenti intensivi e con le necessità di irrigazione dell’agricoltura industriale.

Al contrario, le pratiche dell’agricoltura contadina e dell’allevamento al pascolo contribuiscono a limitare le emissioni di CO2 e il consumo idrico.

Per quanto riguarda il ventennale del G8,  i temi della tutela del territorio e  del sostegno all’agricoltura contadina e familiare erano già presenti nelle rivendicazioni del 2001

Questi  temi sono importanti per garantire la sovranità e la sicurezza alimentare delle popolazioni. Infatti l’agricoltura contadina e familiare è finalizzata prima di tutto a soddisfare le necessità alimentari della popolazione.

Al contrario l’agroindustria e la grande distribuzione organizzata sono interessate esclusivamente alla produzione di merci (come il cacao, il caffè, l’olio di palma, il tabacco ecc.) da esportare nei mercati internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.